THE LAST KINGDOM

Si tratta di una serie britannica tratta dai romanzi “Le storie dei re sassoni”, scritti dal famosissimo Bernard Cornwell. The last Kingdom, composta da 5 stagioni per un totale di 46 episodi, è andata in onda dal 2015 al 2022 (adesso potete trovarla su Netflix).

La serie è ambientata sul finire del IX secolo dopo Cristo: l’Inghilterra – che ancora non esiste come compagine unitaria – è divisa in sette regni. Gli anglosassoni vengono attaccati ripetutamente dai vichinghi, che saccheggiano, depredano, uccidono, fanno razzie. L’unica vera roccaforte contro le invasioni dei danesi è il regno del Wessex, guidato da re Alfred.

Il protagonista di tutta la serie è Uhtred di Bebbanburg, figlio di un sassone ma rapito dai vichinghi danesi e addestrato come uno di loro. Uhtred nasce e cresce come uomo di mezzo: per metà sassone, per metà danese. Interpretato da Alexander Dreymon (attore e modello tedesco, classe 1983, che offre una splendida performance attoriale), Uhtred è un uomo diviso, un guerriero spezzato: in continua oscillazione tra un popolo e l’altro, si muove dentro la Storia come una biglia impazzita, una persona che viene sistematicamente amata e poi odiata da entrambi i popoli in lotta; Uhtred è il perno attorno al quale ruota tutta la trama, fatta di battaglie, violenza, intrighi di palazzo, tradimenti, amori, vendette.

Uhtred è lo spirito senza guida (il pagano senza Dio, lo chiameranno gli inglesi cristiani): mentre cerca di barcamenarsi tra le due fazioni in lotta, l’uomo-Uhtred cercherà di trovare la propria strada, il proprio posto in questo mondo in guerra, la propria felicità. E anche l’amore, perché no.

Devo ammettere che la serie mi ha rapito, perché ha tutto ciò che dovrebbe avere un prodotto di intrattenimento ispirato a fatti storici: conflitti interiori, personali ed extra-personali; guerre, scontri sanguinolenti e torture; amori; colpi di scena e cliffhanger abilmente piazzati. Insomma, una serie divertente, appassionante, feroce e intelligente.

Le aspirazioni di The last kingodm non sono quelle della fedeltà storica assoluta: anche se i romanzi sono molto accurati e c’è un’apprezzabile attenzione ai dettagli, è proprio Uhtred a essere un personaggio inventato (da Cornwell), ma si cala perfettamente nel contesto storico che si muove attorno a lui. Anzi, ne è quasi lo spirito eletto: lui, che non ha mai avuto un vero mentore né un proprio alveo di appartenenza, sembra essere sempre la soluzione ultima alla quale ricorrono gli inglesi, i danesi, i re, i generali, i comandanti, le mogli, gli amici, le amanti.

L’eccessiva celebrazione del personaggio è forse uno dei punti deboli della serie, che senza Uhtred non potrebbe sopravvivere. E forse, ammettiamolo, tra i punti critici vi è anche l’eccessiva lunghezza: nonostante la suspense quasi sempre elevata, si arriva alla fine della serie con un po’ di stanchezza; se anche le stagioni fossero state tre invece di cinque, The last kingdom ci avrebbe appassionato comunque (e senza la necessità di allungare oltremodo il brodo).

A ogni modo, ho seguito con interesse e passione questa serie, facendo anche le ore piccole, pur di vedere come sarebbe finito un episodio.

© Diego Di Dio, 2023

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre recensioni

Supersex 1 recensione serie tv

SUPERSEX

SUPERSEX è la serie liberamente ispirata alla vita di Rocco Siffredi, pornodivo italiano di fama mondiale. Ideata da Francesca Manieri e diretta da Matteo Rovere, Francesco Carrozzini e Francesca Mazzoleni.

Povere creature recensione

Povere creature!

Recensione Povere creature! (Poor Things), film del 2023 diretto da Yorgos Lanthimos. Candidato a una dozzina di premi Oscar e a sette Golden Globe

Sex Education 4

Sex Education 4

Recensione serie tv Sex Education 4. Apprezzo il modo in cui questa serie, originale, complessa e mai scontata, tratti argomenti difficili, come l’identità sessuale, i primi approcci col sesso ecc.

Il Decalogo dello scrittore

Il decalogo dello scrittore

Oggi ho pensato di condividere con voi il mio personale “decalogo dello scrittore”. L’ho scritto quando ero un ragazzo, ancora prima di pubblicare il primo romanzo

Tempo per noi recensione serie tv

Il tempo per noi

Recensione serie tv “Il tempo per noi” serie promossa a pieni voti: A time called you, tradotto in italiano con Il tempo per noi.