«Ho sentito dire spesso che il bene e il male non esistono: sarebbero concetti astratti, puerili, elaborati dall’uomo.
Stronzate.
Il bene e il male esistono, e sono due stanze contigue, divise da una porta spalancata.
Il bene e il male esistono, e la distanza che li separa non è un abisso, ma un passo.

Ognuno di noi nasce su quel passo.»

È appena uscito, in tutte le librerie e gli store on-line, il mio secondo romanzo, “Ultimo Sangue” (La Corte Editore).

Come in ogni mia storia, la violenza è solo un pretesto.
E qui di violenza ce n’è, e anche tanta.
Ma tolte le pallottole e le sparatorie, messi da parte gli agguati e gli inseguimenti, la storia parla di una donna: Alisa, che tutti chiamano Alì.
La mia donna sicario.
Un’anima spezzata, rotta, come spezzate e rotte possono essere quelle anime che hanno vissuto un’infanzia e un’adolescenza come le sue. Che hanno attraversato l’inferno, per poi diventarne parte.

Una donna in continua oscillazione, alla continua ricerca di qualcosa. Forse nemmeno lei sa bene cosa.

“Ultimo Sangue” è una storia di camorra, di agguati, di sbarchi clandestini e di giochi di potere. Ma è anche e soprattutto una storia d’amore.
Quell’amore strano, sghembo e in eterno conflitto, che lega Alisa e Buba.

Buba, il mio uomo sicario.

Ho scritto la storia che volevo.
Ho raccontato quello che volevo raccontare.
Mi sono emozionato, lo ammetto. E sono stato anche arrabbiato, deluso, frustrato, euforico, sorridente, e ho provato tutto lo spettro delle possibili emozioni che dovrebbe provare uno scrittore quando scrive una storia.
La storia che vuole scrivere.

Il racconto che vuole raccontare.

Alì e Buba hanno aspettato anni per raccontarvi questa storia.

Ce l’hanno fatta, finalmente.

La Trama

Alisa e Buba sono due sicari professionisti.
Lavorano spalla a spalla nella Napoli in cui si consuma una guerra taciturna tra due imperi criminali.
Quando don Luigi e suo figlio Gabriele vengono brutalmente uccisi, però, tutto cambia. Donna Teresa, ora vedova e assetata di vendetta, assolda i due killer per porre fine, una volta per tutte, all’intera vicenda. La boss del crimine ha una missione per loro: trovare e ammazzare la figlia di don Pasquale, responsabile di aver ordito il piano che ha portato allo sterminio della sua famiglia.
In questo mondo di corruzione, fatto di armi e incline ai tradimenti, si muovono Alisa e Buba, che nel frattempo devono fare i conti con un passato dal quale non vorrebbero fare altro che fuggire.
Perché non sono solo assassini. Sono due sopravvissuti.
E in una realtà divorata dall’odio e consumata dal desiderio incontrollabile di potere, sanno che possono fidarsi solamente l’uno dell’altra.
Ma sarà sufficiente?
Un’ultima missione, un’ultima rivincita, un ultimo sangue.

Un noir dalle tinte fosche e crude, catapultato nello scenario decadente di Castel Volturno. Un romanzo sull’odio, sull’amore, sul desiderio di vendetta.

Diego Di Dio saper scrivere Scuola di editoria, agenzia letteraria, servizi editoriali
Compralo su Amazon
Compralo su La Corte Editore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous

Philip Roth

You are here

Il mio ultimo sangue